Biografia

Biografia

LE NOTE DELL’ILLUSIONE

Il pendolo di un vecchio orologio ritma il tempo nel salotto di casa Dorian e cerco intorno a me, fra la mobilia d’antan carica di anticaglie e di imperscrutabili  attrezzi dell’illusionista, la sagoma del giovane mago che si fa attendere oltre il lasso consentito dal bon ton.

Ormai fremo per sbrigare la pratica dell’intervista e combatto con la tentazione di avviarmi fuori dalla casa dell’impertinente. All’ennesimo rintocco della pendola mi dispongo per la ritirata e mi rivolgo verso l’uscita, quando improvvisa a sbarrarmi la strada si frappone una fiammata sulfurea.

La sorpresa è grande ed al tosto svanire del fumo compare, con un collaudato trucco da palcoscenico, Magic Dorian.

Il bagaglio professionale di un mago è complesso. Non solo l’abilità tecnica, ma anche la psicologia, la musica (che accompagna ogni esibizione), la coreografia e la recitazione sono fondamentali per accattivare l’attenzione del pubblico. La prima tournée di Magic Dorian è sulle platee di mezza Italia, popolane e ferocemente impietose verso gli showmen improvvisati, che il mago ha addomesticato con il suo potere ipnotico.

Fra i tanti concorsi cui ha partecipato, Magic Dorian si sofferma a ricordare il “Master of Magic” nel 2010 al Casinò de la Vallèe di Saint Vincent. “Ero emozionato perché in giuria c’erano Silvan, Alexander e Aurelio Paviato, i miti della mia infanzia”.

L’edizione italiana di Vogue gli dedica un servizio fotografico ed un pezzo sulla rivista patinata, annoverandolo tra i finalisti del concorso.

 

“A 18 anni, dopo il diploma scolastico, dovevo decidere  se dedicare    alla professione della magia o proseguire gli studi. Un misterioso  evento ha indicato al bivio la via giusta. Ad Amsterdam, nell’estate del  2004, passeggiavo lungo la VanEeghen start e mi avvicinavo ad una  folla al mercatino delle pulci. Ho notato un anziano signore,  camminava lentissimo in direzione contraria alla mia, ed indossava  un vestito color nocciola ed al collo, ben avvolto, un foulard fucsia.  Con una mano in tasca, nell’altra portava un bastone d’ebano ed  ostentava all’anulare un vistoso smeraldo. Mi sono rivolto al mio  amico con espressione di meraviglia, per stupirmi, tornando nella  traiettoria del suo sguardo, di non vederlo più. Era scomparso. Poi scorgo su una bancarella il suo foulard, era sul frontespizio di  un libro scritto da un illusionista olandese”.

APPARIZIONI

Esperto nell’elegante arte della manipolazione, Dario Galati, Dorian sotto ai riflettori, nasce nella provincia di Lecce e dopo il compleanno dei 7 anni  in cui qualche lontano parente gli regala la scatola magica, al contrario dei suoi coetanei, continua ad usarla anche dopo l’entusiasmo dei primi giorni, e con dedizione inizia ad occuparsi e interessarsi dellamagia cercando di emulare da solo i prestigiatori che vanno in onda nel suo televisore, cosicché Alexander, SIlvan e Paviato diventano i suoi, personalissimi, eroi. 
Continua senza mai stancarsi ad ingegnarsi nella particolarissima arte, a cercare libri, a spiare spettacoli e carpire trucchi, così dopo gli studi e i primi spettacoli decide di fare della magia la sua professione, e si trasferisce a Milano, in un ambiente pulsante di grandi nomi, dove inizia a partecipare a concorsi nazionali e workshop, affinando sempre più tecnica e presentazione. 
E’ giovane ma è uno che sa già come dirigere al meglio lo show. Del resto il gioco di prestigio, per lui, è come una partitura: “Le tecniche sono  le note e le diverse note fanno la melodia, l’illusionista la esegue secondo la propria sensibilità e le diverse situazioni”. Si mette sempre dalla parte del pubblico:  
“Quando ho sorpreso anche l’ultimo spettatore dell’ultima fila, allora ho raggiunto il mio risultato”, dichiara per Vogue Uomo. Intanto studia molto: “Perchè le mani non devono mai perdere di scioltezza”, industriandosi tra i classici mille lavori e le performance da illusionista destinate ai più piccoli e a quelli già cresciuti che, a certe cose, credono di non credere più. 
- VOGUE ~ Italia
CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Pin on Pinterest0Email this to someone